logo falzea SLOGAN

Misticanima

Misticanima

Written by  Oreste Kessel Pace Lunedì, 21 Dicembre 2020
Rate this item
(0 votes)

 

di Oreste Kessel Pace

La poesia è sacralità. E’ misticità che incontra l’anima: “Misticanima” giusto per forgiare un nuovo termine e farlo nostro (una libertà che nessuno potrà mai toglierci).

Il poeta si nutre della Misticanima e ne diventa rappresentante.

pneuma blogDalle origini dell’Uomo, attraverso l’arte rupestre in cui gli antenati poetavano la loro realtà attraverso le paure e le incertezze, fino al mondo immoderno devastato dalle medesime problematiche amplificate dalla tecnologia, la Poesia si è evoluta.

Siamo fatti di versi, concepiti per comunicare sentimenti dei quali sono lo sfogo ultimo. Padronanza del linguaggio che diviene arte in grado di provocare degli stati d’animo.

Sacralità della poesia come verità del più profondo e intimo spirito culturale, insito anche nell’antropologia di un popolo.

La poesia non è verità. Non è finzione. E’ legenda legata alle inquietudini del poeta che le condivide con il lettore; spiegazione del rito dell’esistenzialismo che ci consuma, speranza di evoluzione del sentimento come soluzione del dolore.

Dunque il linguaggio è espressione dell’anima. Il risultato è la Poesia.

Apotropaica contro il dolore che si manifesta con i versi. Respira attraverso le pagine dei libri nell’atto di leggerne i contenuti, sfogliarne la fisicità liberandone il respiro immortale, fino a quel momento custodito dal libro nel silenzio/caos dell’Universo. Forse è proprio quello di cui abbiamo bisogno per capire il senso della vita che, altresì, abbiamo sperduto nei meandri del sentiero di una realtà in cui non esiste più il passato, sfugge il presente e non esiste ancora il futuro. Eppure una realtà/irrealtà che ci deruba del nostro tempo, ci fa dimenticare l’anima e cela l’amore dietro le nefandezze.

Read 114 times Last modified on Lunedì, 21 Dicembre 2020